1006
A111
A112
A113

doppler

metodo diagnostico per la determinazione della velocità di flusso del sangue mediante l'impiego di ultrasuoni (vedi ecografia). L'indagine consiste nell'inviare con un apposito strumento un fascio di ultrasuoni destinati a esplorare un dato distretto circolatorio; l'onda riflessa viene elaborata in modo da calcolare la velocità e la direzione del flusso ematico: ciò consente di determinare la sede e l'entità di un'ostruzione a carico di un'arteria o di una vena. L'indagine viene pertanto impiegata nella diagnostica delle vasculopatie funzionali od ostruttive, in condizioni sia ordinarie sia d'urgenza.

ecografìa

(o ecotomografia), tecnica diagnostica basata sull'impiego di ultrasuoni. Con una sonda appoggiata sulla pelle si invia un fascio di ultrasuoni verso le strutture corporee da esaminare. In relazione alla densità dei tessuti attraversati, gli ultrasuoni vengono variamente riflessi, raccolti dalla stessa sonda emettitrice ed elaborati dall'apparecchio in un'immagine su monitor. In tal modo è possibile discriminare raccolte solide o gassose, o analizzare finemente alterazioni di struttura degli organi solidi. A seconda della diversa analisi spaziale e temporale offerta dall'apparecchio, si distinguono l'ecografìa "A Mode", di prevalente impiego in cardiologia, e l'ecografìa bidimensionale o "B Mode", di più ampia utilizzazione, per esempio, nell'esame degli organi addominali. Le attuali apparecchiature ecografichepermetto di valutare anche la funzionalità complessiva del cuore che si valuta con la frazione di eiezione, che si valuta normale per valori sopra il 50%. L'avvento dell'ecografìa ha consentito di avere a disposizione uno strumento diagnostico maneggevole, non invasivo e soprattutto sicuro e sufficientemente preciso. Attualmente il campo d'applicazione dell'ecografìa è vastissimo: dall'esame di organi addominali quali fegatomilzapancreasreni e vie urinarielinfonodivescicaprostataovaio, alla ricerca di raccolte liquide, cisti, processi degenerativi, infiammatori o tumorali in grado di alterare l'ecostruttura normale del tessuto. Sotto la guida dello strumento possono essere effettuate biopsie profonde. L'ecografìa permette inoltre di effettuare indagini su strutture più superficiali quali tiroide, paratiroide, testicolo e mammella, con analoghi intenti diagnostici. Grazie al principio fisico dell'effetto doppler, l'ecografìa viene utilizzata nello studio delle affezioni dei vasi sanguigni (vedi anche doppler). La diagnosi ecografica è applicabile anche alle malattie cerebrali del feto e del neonato. L'ecografia risulta utile anche per esaminare le strutture muscolo-tendinee superficiali, come quelle della spalla, della mano e del piede: frequente è la possibilità di individuare ad esempio lesioni del capo lungo del bicipite soggetto a lesioni da stiramento. Per l'assoluta assenza di rischi per la madre e il feto l'ecografìa è ampiamente utilizzata nel monitoraggio della gravidanza normale e patologica.

botton-1
botton-4
botton-5
botton-3b